Huawei P30 Pro New Edition

Huawei P30 Pro New Edition arriva a giugno con i Google Play Services e diversi omaggi

HUAWEI P30 NEW EDITION: OPERAZIONE AMARCORD RICCA DI OMAGGI

Dal 1° giugno sarà possibile acquistare il nuovo Huawei P30 Pro New Edition al prezzo di 849,90 euro, accompagnato da una nutrita selezione di omaggi.

Con l’introduzione di una nuova versione del P30 Pro, ovvero Huawei P30 Pro New Edition, Huawei cerca di recuperare quella fetta di mercato persa per la mancanza dei Google Play Services. Non è la prima volta quest’anno che il brand cinese presenta degli smartphone con i Google Play Services, dispositivi che non sono altro che aggiornamenti delle versioni presentati lo scorso anno, come ad esempio il Huawei P Smart 2020.

HUAWEI P30 PRO NEW EDITION: UNA RICCA OFFERTA

Il Huawei P30 Pro New Edition si rivolge principalmente a chiunque voglia uno smartphone top di gamma con prestazioni fotografiche di alto livello (seppur non paragonabili alla nuova serie P40), ma che non vuole rinunciare né all’ecosistema Google, né a quello di Huawei. E infatti l’offerta del brand cinese è ricca. Al prezzo di 849,90 euro l’utente che scegliesse di acquistare lo smartphone dal 1° giugno al 30 giugno, riceverà in omaggio le Huawei Freebuds 3 del valore di 179,90 euro e Huawei Wireless Charger, del valore di 49,90 euro. Non è finita qui: chiunque acquisti lo smartphone dal 1° giugno al 31 agosto, avrà diritto a 50 GB extra su Huawei Cloud, 3 mesi di abbonamento a Huawei Music e 15 euro di credito da utilizzare su Huawei Video. Va però detto che, chi non è interessato a tutti questi omaggi e si accontenta del canonico Huawei P30 Pro, può accaparrarselo a poco più della metà del prezzo.

LA MOSSA DI HUAWEI

Una mossa quella di Huawei che tende a “prendere tempo” e fornire dispositivi compatibili che non siano troppo desueti (basti pensare al processore che è quello dello scorso anno) con i Google Play Services, almeno finché l’ecosistema Huawei non sia pronto e funzionante al 100%. Basti pensare che l’arrivo di Celia, l’assistente vocale del brand cinese, è recente e che la soluzione Huawei Pay in Europa non è ancora funzionante. Prendere tempo insomma e non rimanere indietro con le vendite sono due degli obiettivi che possono aver spinto il colosso a questa operazione “Amarcord”.


Roberto Cosentino
Classe '87, fotografo e giornalista pubblicista, amante della tecnologia.